Ecomonia circolare. Senza la tariffa puntuale non si va da nessuna parte

Il settore dei rifiuti vale ormai 10 miliardi e l’economia circolare, nuovo impulso ad una gestione più attenta e sostenibile, arranca dietro leggi vecchie e inappropriate. Ci sono alcuni territori che sperimentano soluzioni innovative perchè sanno che, superata una certa i dati del report 2017 del Was (Waste Strategy Annual) Report 2017 elaborato da Althesys.

Scrive Repubblica: Mentre la tariffa puntuale, quella che premia chi fa bene la raccolta differenziata, viene applicata solo a 2,8 milioni di abitanti in 280 Comuni, meno di una persona su 20. E l’ecotassa, cioè le misure per penalizzare la discarica, è oltre 4 volte più bassa della media europea: pesa solo per lo 0,2% del totale della spesa per i rifiuti (127 milioni di euro). Dunque non ci sono solo alcuni Comuni che sbagliano la Tari, come ieri ha confermato il ministero dell’Economia e delle Finanze dando il via alle procedure per chiedere i rimborsi: è l’intero sistema che va messo a punto.

fonte foto: flickr.com

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.