Il cibo a 10 centesimi se è appena scaduto. La via inglese contro lo spreco di cibo

Ha fatto scalpore la notizia che una catena di supermercati inglese ha venduto cibo in scatola scaduto da un mese al prezzo stracciato di 10 centesimi. I prodotti (caffè, patatine imbustate, cereali per la prima colazione, mitici fagioli al sugo «Heinz», legumi) messi sugli scaffali in offerta nei 125 negozi della Coop nell’East Anglia sono andati a ruba in meno di 24 ore. Ovviamente niente uova, carne, pesce, latticini e surgelati.

L’iniziativa, riferiscono, è stata presa nel tentativo di evitare i troppi sprechi: ogni anno in Gran Bretagna vengono mandate al macero sette milioni e mezzo di tonnellate di cibo perché le persone pensano di non poter consumare il prodotto oltre la data preferibile, non sapendo che invece hanno ancora dei mesi di tempo. Wrap (Waste and Resources Action Programme), l’agenzia nazionale che consiglia il governo su riciclo e rifiuti, ha parlato di mossa «coraggiosa» che rispetta gli standard di sicurezza. «La maggioranza dei consumatori ha colto al volo l’opportunità di risparmiare e consumare i prodotti preferiti – ha dichiarato Roger Grosvenor, vice direttore esecutivo delle Co-op dell’East Anglia -, la nostra non è una trovata per fare soldi ma una mossa per ridurre gli sprechi». La scorsa settimana Wrap aveva lanciato una campagna, appoggiata dal governo per evitare che venisse buttato nella pattumiera cibo ancora commestibile con lo slogan «Don’t be a binner, have it for dinner» («Non scegliere la pattumiera, mangialo per cena»). (l’articolo originale su Il Giornale).

Non è l’unica iniziativa nel suo genere. Esiste un’app che si chiama Last Minute Sotto Casa, che permette ai commercianti di mettere in offerta i prodotti prossimi alla scadenza. Una iniziativa che unisce innovazione tecnologica e innovazione sociale.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.