Una critica sul rapporto tra economia digitale e politica

Alcuni economisti comportamentali, tra cui Richard Taylor, hanno formato una consulting company, che si chiama Ideas42 con alcune iniziative interessanti. Ci sono app che, con la tua carta di credito, ti dicono se la metro è troppo affollata. Ti danno un bonus se resti a lavoro un’ora in più per evitare la folla. È la tecnologia a diventare una forma di politica, di governo.

Morozov delinea un panorama nel quale non si sta comodi. L’idea che ci sia una convergenza tra gli interessi statali e quelli delle aziende digitali nel modellare le nostre esistenze usando i nostri dati personali come fonte di guadagno, di controllo, e sostituti del welfare è già in atto, basta guardare per accorgersene. Lui guarda, se ne accorge e racconta.

Continua a leggere

Lascia un commento