Per salvare il mondo potrebbe bastare cambiare marca di birra

Non tutto il cibo è uguale e viene prodotto allo stesso modo. Così, nemmeno le birre sono fatte alla stessa maniera: ci sono alcune che impattano meno di altre. Lo dimostra uno studio condotto dall’università di Oxford in collaborazione con l’istituto svizzero Agroscope. «Una pinta di birra, ad esempio, può produrre 3 volte più emissioni e utilizzare 4 volte più terra rispetto a un’altra», si legge nello studio, ripreso in Italia da Greenreport. Continuando: creare gran parte degli impatti ambientali è un piccolo numero di aziende agricole: da sola, il 15% della produzione di carne bovina crea circa 1,3 miliardi di tonnellate di CO2 equivalenti e utilizza circa 950 milioni di ettari di terra. In tutti i prodotti, il 25% dei produttori contribuisce in media al 53% dell’impatto ambientale di ciascun prodotto. Questa variazione e tendenza evidenzia anche il potenziale per ridurre gli impatti e migliorare la produttività del sistema alimentare.

E quindi: rinunciando a diete a base di carne e latticini, i terreni agricoli globali sarebbe ridotti di circa 3,1 miliardi di ettari (76%). e «Ciò toglierebbe la pressione sulle foreste tropicali del mondo e libererebbe la terra per il ritorno della natura», afferma Joseph Poore.  I ricercatori dimostrano che possiamo utilizzare e sfruttare gli impatti ambientali variabili per accedere a un secondo scenario: «Ridurre il consumo di prodotti animali del 50% evitando i produttori ad impatto più elevato centra ad esempio il 73% dei precedenti scenari di riduzione delle emissioni di gas serra. Inoltre, la riduzione del consumo del 20% di prodotti “discretionary” (oli, alcol, zucchero e stimolanti) evitando i produttori ad alto impatto, riduce del 43% le emissioni di gas serra di questi prodotti. Questo crea un effetto moltiplicatore, in cui piccoli cambiamenti comportamentali hanno grandi conseguenze per l’ambiente. Tuttavia, questo scenario richiede che i produttori comunichino l’impatto ambientale del produttore (non solo del prodotto). Ciò potrebbe avvenire attraverso dellle etichette ambientali in combinazione con imposte e sussidi».

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.